Archivio per la categoria ‘Campagne e Iniziative On-Line’

demo at pamplonaQuesta mattina, un centinaio di persone, perlopiù spagnole, ma numerosi provenienti anche da altri paesi europei, si sono denudate, hanno cosparso i loro corpi di tinta rossa e si sono sdraiati a terra sulla strada che conduce all’entrata dell’arena della città di Pamplona.

Questa azione di straordinaria efficacia intendeva rappresentare il bagno di sangue che, come ogni anno, si compierà in nome di una tradizione violenta e depravata parte del Festival di San Fermin, la quale prevede che almeno 48  tori “vengano liberati” per le strade della città in una caotica, rumorosa corsa  verso la loro morte.

Inseguiti, derisi, abusati, gli animali terrorizzati, verranno ammazzati di fronte ad una folla in festa dagli addetti a colpi di spada e di lancia  una volta che, esausti e ricoperti di contusioni, saranno giunti a destinazione.

L’azione degli attivisti spagnoli è una denuncia affinchè la tremenda sofferenza imposta ai tori coinvolti non passi inosservata al resto del mondo o, peggio ancora, continui a venire considerata una “manifestazione culturale” così come la presentano i media conniventi con tale abominevole “festività”.

Tristemente questo scempio arcaico viene anche promosso quale attrazione turistica, i visitatori che si recheranno ad assistervi sono tra i principali responsabili del massacro.

Per quanto possa essere di una qualche utilità, Peta UK ha organizzato una petizione on-line alla quale tutti possono accedere firmando e sottoscrivendo il proprio sconcerto e la propria opposizione a questa estrema, istituzionalizzata esibizione della crudeltà umana.

Annunci

agnellohomeNonostante il grande lavoro svolto dagli attivisti in questi anni per ridurre il numero delle uccisioni di animali nei mattatoi, in particolare durante periodi particolari dell’anno, le “celebrazioni” pasquali continuano a rappresentare un picco insanguinato e il primato delle macellazioni va alla Sardegna, al Lazio, alla Puglia poi seguite da Campania e Toscana, le vittime totali in Italia ogni anno sfiorano i 4 milioni.

La nostra sarà una Pasqua Veg In quanto antispecisti e vegani ci opponiamo a ogni tipo di allevamento e di sfruttamento e preferiamo adottare una dieta alimentare scevra di violenza e di crudeltà.

Per fare questo ci affidiamo completamente ai prodotti della terra sui quali impostare la nostra alimentazione

Siamo tuttavia coscienti del fatto che il terribile destino riservato ai piccoli di pecora strappati alle amorevoli cure delle madri per finire con la gola tagliata in una pozza di sangue è uno scenario che turba particolarmente ANCHE coloro i quali non dedicano granchè della loro attenzione alla sofferenza degli altri animali per mano dell’industria agro alimentare

Bene, con questo evento ci rivolgiamo ANCHE a loro e chiediamo a tutti voi invitati di partecipare alla spesa di € 150,00 per l’affissione di 50 manifesti 70×100 sugli spazi appositi gestiti dalla Sistema SRL a Grosseto.

Questa è una iniziativa nazionale organizzata e promossa da Animal Amnesty alla quale aderiamo con entusiasmo.

Le affissioni verranno realizzate il 16 MARZO per quindici giorni.

Vi invitiamo a contribuire con una donazione con le seguenti modalità:

RICARICA POSTE PAY n. 4023600586285530 intestata a Paolo Rossi

DI PERSONA se in Grosseto telefonando o messaggiando il 3281544997

oppure tramite PAYPAL o altra carta di credito seguendo le istruzioni sul nostro profilo KAPIPAL

agnellini

In questa foto la divisione dei piccoli dalle loro madri operata dagli allevatori, gli agnellini, principalmente maschi, marcati con la vernice verde finiranno al mattatoio, i piccoli femmina seguiranno l’angoscioso destino delle loro madri: delle vere e proprie macchine per la riproduzione.

Pe aggiornamenti sull’andamento della raccolta delle vostre donazioni visitare la pagina Facebook relativa a questo evento.

Grazie di cuore per l’aiuto che riuscirete a darci e alla considerazione morale che accorderete agli agnellini  scegliendo di NON COMPRARNE e di NON CONSUMARNE i corpi nè quest’anno nè mai più.

La raccolta parte da €25,00 versati da Carla R. EVENTO su FACEBOOK

QUI il video di TV ANIMALISTA sulla macellazione degli agnelli.

Se avete la possibilità di organizzare una affissione simile in altre città italiane non esitate a contattare Animal Amnesty  visitando la loro pagina web

top_campagna_pasqua

Nelle immagini il manifesto che verrà affisso in decine di città italiane quest’anno.

Sostieni Associazione D'Idee Onlus, prenota la maglietta

Anche quest’anno, con la finalità di fare fronte ai costi da sostenere per le azioni sul territorio, per le spese amministrative e per la stampa del materiale che usualmente distribuiamo gratuitamente ai nostri presidi, lanciamo una Campagna di sottoscrizione a beneficio di questa Onlus.

Chiediamo a chi ci segue, ai simpatizzanti e a tutti coloro che desiderano ottenere una o più delle bellissime magliette in cotone stampate in erigrafia nel Giugno scorso, di farsi vivi con un messaggio SMS al 3281544997 specificando nome, cognome e taglia desiderata, oppure attraverso questo Blog esprimendosi con un cenno di interesse sull’acquisto della maglietta.

Il costo di ogni singola maglietta, disponibile in tutte le taglie è di € 12,00 ( € 10,00 per 3 o più di 3 magliette )

Oltre al colore nero saranno disponibili un numero limitato di magliette rosse ( solo taglie S e M ).

Il costo di spedizione via raccomandata per coloro che vivono fuori o distanti da Grosseto o che comunque non possono incontrarci per la consegna a mano è di € 10,00

La forma di pagamento preferita è la ricarica postepay N. 4023600586285530 5333171008615649 intestata a Paolo Rossi

oppure puoi visitare questo sito e utilizzare Paypal:

http://www.kapipal.com/associazionedideeonlus

Grazie del vostro supporto e a presto.

carolla


We launch a fund raising Campaign to support our activities.

To order one or more  T-shirts please give  Paolo a ring on  3281544997 leaving your full name, address and desired size taking it into account that only as mall number of size LARGE and MEDIUM are left.

Cost for each T-shirt is €12,00 ( €10,00 for orders of 3 or more T’s )

Mailing costs within Italy 10,00 euros, outside Italy do contact us for details on postage cost.

Thanks for your support


Immagine

Huntingdon Life Sciences (HLS) è il più grande laboratorio di vivisezione in Europa, in questo luogo si uccidono 500 animali ogni giorno.

Essendo una organizzazione commerciale che testa su commissione, presso di loro si testa di tutto, dai prodotti per la casa a quelli chimici, dagli erbicidi ai pesticidi, coloranti e additivi per alimenti, dolcificanti sintetici, prodotti alimentari geneticamente modificati, inchiostri per stampanti…la loro missione è avvelenare cavie per trarne un profitto.

Tra gli animali utilizzati per gli esperimenti a HLS  scimmie, cani, topi, conigli, criceti e uccelli. In questo momento ci sono 70.000 animali rinchiusi nell’impianto in attesa delle sevizie e della morte certa a cui sono destinati.

Gli addetti che operano all’interno di questo impianto sono stati denunciati più volte per crudeltà sugli animali, condotta criminale e produzione di dati falsi nel corso delle numerose investigazioni e riprese celate portate a termine da attivisti infiltrati. Questi individui sono stati ritratti mentre prendono a pugni cuccioli di Bearle, mentre mimano atti di natura sessuale con le loro vittime e spacciando sostanze all’interno dei laboratori. Sappiamo che questo tipo di abusi accade quotidianamente alle spese degli animali detenuti, ogni 3 minuti viene ucciso un animale.

HLS è divenuto “famoso” non soltanto per le crudely attività con le quali ingaggiano I “ricercatori” ma anche e sopratutto per l’intensità, la frequenza e il tenore delle proteste organizzate davanti ai suoi cancelli dal movimento per la Liberazione Animale  SHAC (Stop Huntingdon Animal Cruelty). Nel corso degli ultimi dieci anni centinaia di compagnie che intrattenevano affari e rapporti commerciali con HLS, incluse alcune delle più ramificate istituzioni finanziarie su scala globale, hanno interrotto i legami con HLS e presa una ferma posizione contro l’ipotesi di venire associati con loro in futuro. Per questo motivo il debito complessivo in cui versa HLS ha superato i cento milioni di sterline.

HLS è una compagnia in ginocchio, lo è stata per anni e se non fosse per l’aiuto economico ricevuto dal governo inglese, il quale ha vastissimi interessi finanziari nell’industria chimico farmaceutica avrebbe già chiuso i battenti. In un disperato tentativo di salvaguardare questi interessi, il governo inglese è intervenuto prestando enormi quantità di denaro a HLS insieme con compagnie di assicurazioni e con le banche. Per farsi un’idea basta ricordare che HLS è l’unica compagnia privata ad avere mai ricevuto aiuti così sostanziali dal governo. Allo stesso tempo le autorità inglesi hanno lanciato una odiosa campagna di repressione contro chiunque venga percepito come una minaccia da HLS. Questa situazione ha prodotto numerosi raid di polizia e operazioni di sorveglianza anche a livello internazionale e decine di arresti. Agenti di polizia sono riusciti a infiltrarsi tra le fila degli attivisti e le prove così ottenute sono state usate per derivare a questi ultimi delle lunghe pene detentive e dei dispositivi restrittivi le libertà personali considerati sproporzionati e iniqui.

L’ultimo tra questi casi è quello dei Blackmail3, la terza offensiva poliziesca contro un piccolo gruppo di militanti noti per il loro impegno contro HLS. Ancora una volta le autorità britanniche stanno tentando di imbavagliare chiunque rappresenti una minaccia alla continuazione dei programmi di “ricerca scientifica” per i quali è prevista la sperimentazione su animali vivi.

E’ di fondamentale importanza che chiunque abbia a cuore il destino degli animali nei laboratori solidarizzi con questi attivisti i quali stanno subendo una feroce azione repressiva .

Immagine

Il caso

Alcune persone ritenute strumentali nella lotta per la chiusura di HLS hanno subito ripetutamente le nefaste attenzioni della polizia, sono stati importunati e arrestati. Per conoscere nel dettaglio il coinvolgimento dell’apparato politico e poliziesco britannico in queste attività visitare qui http://www.blackmail3.org/hls.html ( tutto in inglese )

La mattina del 6 Luglio 2012 alcune squadre di polizia effettuarono un incursione nelle case e nei luoghi di lavoro di tre persone arrestandole con l’accusa di avere ricattato dipendenti e addetti impiegati da HLS. La persona inquisita in UK è accusta di avere commessi tali atti tra il 2001 e il 2011, le atre due, in Olanda si sono viste contestare la stessa accusa per il periodo 2008 / 2010. Negli ultimi anni questo particolare capo di accusa si è rivelato particolarmente “efficace” ed è stato utilizzato in maniera deliberata in conseguenza alla ricettività dei giudici, propensi a condannare gli imputati ad altissime pene, 14 anni è infatti la pena massima a cui si può andare incontro in simili circostanze. Quello attuale è il terzo procedimento di questo tipo adottato dagli inquirenti contro attivisti noti per il loro impegno contro HLS.

Il primo raid è avvenuto a Londra, mentre gli altri in diverse locazioni ad Amsterdam, questi ultimi sono stati eseguiti su mandato internazionale di cattura e dopo una settimana in prigione sono stati rilasciati con un regime controllato, non possono muoversi dal luogo di residenza ed è stato loro confiscato il passaporto. Adesso, i due, sono in attesa di venire estradati in UK. Il terzo imputato, quello arrestato a Londra, fu rilasciato la sera stessa del giorno dell’arresto e anche a questa persona è stato imposto un preciso regime restrittivo che ne limita le libertà personali.

Nel corso del raid in Olanda, la polizia è entrata di forza in alcuni uffici dove era impiegata una delle persone poi arrestate, sequestrando computers e documenti con dati e informazioni su diversi gruppi impegnati nella lotta per la liberazione animale, inoltre, presso la sua abitazione sono state sequestrate fotocamera, stampante, computers portatili e alte apparecchiature elettroniche.

Alcuni mesi dopo questi eventi almeno un’altra persona è stata arrestata in UK ma poi subito rilasciata senza che gli venisse contestato alcun reato.

L’imputato in UK subirà il processo all’inizio di Febbraio quest’anno, ma il corso di quest’ultimo verrà sicuramente ritardato per attendere che gli altri due imputati ricevano ingiunzione di estradizione dall’Olanda e rimpatriati dalle autorità.

Questo caso, come i precedenti, riflette la continua attitudine repressiva e intimidatoria adottata dalle autorità anglosassoni volta a criminalizzare e a fermare le attività degli attivisti che con persistenza hanno preso mira HLS ottenendo dei risultati importantissimi.

I dirigenti e gli azionisti di HLS hanno, ancora una volta, schioccato le dita e ordinata una retata di attivisti che con le loro azioni hanno messo a rischio la profittabilità commerciale e l’esistenza dell’intero progetto.

In an atmosphere of increasing repression against activists and the criminalisation of effective campaigns, it is important that we show our solidarity for those involved and form a strong network of support for the animal rights movement in the UK.

Contribuiamo a diffondere la loro vicenda e sosteniamo I Blackmail3

Immagine

GLI IMPUTATI

Di seguito i tre imputati Blackmail3 e la loro versione dei fatti.

DebbieImmagine

Sono vegana da oltre 20 anni, da quando cominciai ad attivarmi per sabotare la caccia nei primi anni novanta. Da allora ho militato contro ogni forma di abuso  e nel corso degli anni ho fatto volontariato presso alcuni rifugi che soccorrono gli animali,. Allo stesso tempo ho preso parte attiva nella campagna contro la sofferenza umana e ho lavorato a progetti utili per la comunità.

Coloro che ci governano e le industrie che traggono profitto dallo sfruttamento animale continuano  a mentire e a ingannare l’opinione pubblica, definendo la loro politica come “amica degli animali”, ma, di fatto, continuano a promuovere il  genocidio di massa degli animali non umani.

In questi ultimi anni ho subito tre raid della polizia, la confisca di materiali di mia proprietà e mi è stato imposto un preciso regime restrittivo che limita la mia libertà personale, ponendo fine alle campagne per i diritti degli animali a cui avrei normalmente preso parte. Sono costantemente tenuta sotto stretta sorveglianza da parte dello stato perché mi considerano una minaccia, benchè io non abbia mai fatto del male a nessuno. Mi è stato negato il permesso di  prendermi cura di un amico molto malato, solo perché era sostenitore della medesima Campagna.
Nonostante tutto io non voglio mollare, affronterò le accuse contro di me in tribunale e porterò all’attenzione della corte le questioni che maggiormente mi stanno a cuore.

La forza del nostro movimento dipende da ciascuno di noi e io auspico il tuo supporto.
Continua a portare avanti la tua battaglia e sii fiero di essere una persona compassionevole!

Natasha

Immagine

Ciao! Mi chiamo Natasha, ho 27 anni e sono originaria dell’Inghilterra del sud.                                                            Ora vivo a Amsterdam con il mio compagno Sven e la nostra cagnolina Lola.
Sono vegana da almeno 10 anni e attualmente lavoro come volontaria in un centro di soccorso e riabilitazione per cani. Nel corso degli anni ho collaborato con svariate associazioni di beneficenza, incluso un lavoro come volontaria nelle scuole in Africa, vari progetti di conservazione, un sistema per la nascita di biblioteche mediante la donazioni di libri.
Mi piace il contatto con la natura, cucinare dolci, l’arte  il design e le grigliate!

Sven

Immagine

Ho 27 anni e vivo con la mia compagna Natasha a Amsterdam. Sono Vegano da 10 anni. Credo fermamente  che sia nostro compito rispettare la terra sulla quale viviamo e tutte le forme di vita che essa accoglie.
Tra i miei hobby preferiti il computer, lo sport, e stare immerso nella natura. Suono il violino e sto studiando per diventare programmatore.
Sono già stato in prigione per il sospetto di aver liberato dei visoni da un allevamento olandese.
Siamo stati condannati, ma ci stiamo appellando contro la sentenza.

Nell’estate del 2012 la mia compagna e io abbiamo subito un raid e siamo stati arrestati nella nostra abitazione di Amsterdam per il caso Blackmail3. Per il momento la nostra estradizione è sospesa, almeno fino a quando si terrà l’appello.
Non è stato semplice affrontare i raids, gli arresti, gli interrogatori; nonostante tutto cercherò di rimanere positivo, di tenere alta la testa e di prendermi cura dei miei cari.

LE LEGGI

(The Blackmail3 are charged with conspiracy to blackmail HLS. The person in the UK is accused of committing this between 2001-2011 and the 2 people in Holland between November 2008-December 2010. Learn more about these laws and why they’re being used below.)

Gli appartenenti alla Blackmail3 sono accusati di conspirazione al ricatto nei confronti di HLS. Il cittadino inglese è accusato di aver commesso il fatto negli anni tra il 2001/2011 mentre i due cittadini olandesi tra il novembre 2008 e dicembre 2010. Qui sotto, vediamo di capire meglio le leggi in vigore e il perché tali leggi vengano applicate.

Blackmail

(In 2007 the UK authorities began adapting the pre-existing charge of blackmail to be used against animal rights activists, in order to obtain longer sentences. Blackmail is punishable by up to 14 years imprisonment.)

Nel 2007 le autorità britanniche iniziarono a modificare il reato pre-esistente di ricatto (blackmail) affinchè potesse essere usato contro gli attivisti per la causa animale, per ottenere  pene detentive più lunghe.                     Il reato di Blackmail è attualmente punibile con la reclusione fino a quattordici anni.

Cosa si intende per  blackmail?

Una persona commette il reato di blackmail quando,inoltra una richiesta attraverso l’ausilio di minacce.

Si parla di blackmail, ad esempio, quando qualcuno chiede qualcosa e poi seguono minacce e azioni dannose con l’intenzione di estorcere un consenso dal destinatario delle minacce.
La richiesta e le minacce tuttavia possono essere opera di persone differenti. Questo significa che chiunque potrebbe essere accusato di blackmail per aver semplicemente chiesto qualcosa, senza essersi reso direttamente responsabile di azioni minacciose.
La richiesta deve essere fatta con una intenzionalità a trarre un guadagno personale o a causare una perdita di un qualche tipo ad altri; comunque non è necessario che la vittima riceva né la domanda né le minacce ( ad esempio, il caso di e-mail minacciose non lette).

Considerato che pronunciare  richieste di cambiamento è prerogativa della maggior parte dei gruppi di attivisti, l’utilizzo di tale legge contro gli attivisti per i diritti degli animali è una prospettiva inquietante.

Conspiracy

La polizia Britannica si avvale sempre  più delle accuse di cospirazione per rendere sempre più grandi e seri determinati casi, in particolare quelli  che coinvolgono un certo numero di persone. La cospirazione non costituisce reato di per sé, lo diviene soltanto se viene  seguita da uno di questi. Nel caso dei Blackmail3, l’accusa di  cospirazione si riferisce alla presunta volontà degli imputati a ricattare.

Cosa si intende per conspiracy?

La cospirazione è un piano di azione che riguarda chi lo realizza o altri che possono prendervi parte allo scopo di infrangere la legge.

Non è necessario che qualcuno abbia intrapreso alcuna azione, solo il fatto di averlo pianificato costituisce reato.
Per trattarsi di cospirazione devono essere coinvolte almeno due persone,  per la legge così com’e’ non esiste un numero massimo di persone, la polizia può montare facilmente casi che coinvolgono un sacco di persone.
La polizia può inoltre seguire casi contro singole persone, anche se le prove a loro carico come individui sono spesso insufficienti.
In alcuni casi il rischio è di essere condannati per cospirazione anche in circostanze in cui i co-cospiratori vengano assolti o non risultino identificati.
Il reato di cospirazione si aggiunge così alle accuse;  il fatto di definirla una cospirazione e di includere più imputati fa sembrare il crimine più grave e meritevole di sentenze di reclusione più aspre.

COSA POSSIAMO FARE

Aiutaci a diffondere la vicenda dei Blackmail3 e della repressione che questi attivisti per la Liberazione Animale stanno subendo in Inghilterra. Con il vostro aiuto possiamo contribuire a dare forma ad un network di solidarietà e costruire un fronte unito di resistenza.

Come Aiutare a distanza:

Condividendo la pagina web dei Blackmail3

Spedendo messaggi e-mail di solidarietà a info@blackmail3.org sia a nome di un gruppo a individualmente

Organizzando eventi e diffondendo la vicenda dei Blackmail3 ad incontri e riunioni di gruppi locali

Rimanendo aggiornati sull’andamento degli eventi e rispondendo con iniziative ai nuovi sviluppi

Facendo donazioni (Blackmail3, Kebele Community Co-operative, 14 Robertson Road, Easton, Bristol BS5 6JY ) oppure organizzando raccolte di fondi da destinare alla causa dei Blackmail3

Siamo disponibili a fornire assistenza o consigli sulle modalità organizzative degli eventi di raccolta fondi e di informazione sulla vicenda.

PER METTERSI IN CONTATTO CON Blackmail3.org : info@blackmail3.org

Perché gli aiuti di natura finanziaria sono importanti?

Gli imputati si troveranno costretti a dover sostenere numerose spese nel corso dello svolgimento del processo, tra questi: riparazioni dei danni arrecati dalla polizia durante i raids nelle loro abitazioni, sostituzione di apparecchiature confiscate, costi di viaggio per incontrare i propri difensori e per apparire alle udienze. Il decorso del processo impatterà la capacità degli imputati di mantenere in maniera adeguata una fonte di reddito attraverso una attività lavorativa. Oltre alle normali questioni finanziari e che gli imputati si troveranno a dover far fronte essendo coinvolti in un caso di questa portata, i due di loro che si trovano ancora in Olanda hanno di fronte a se anche l’incertezza economica rappresentata dalla prospettiva di vedersi estradati in Inghilterra.

STATEMENT

We are Associazione D’Idee Onlus https://associazionedideeonlus.wordpress.com/ a small but busy group of antispeciesist activists from central Italy and we would like to express our full support to the cause of the Blackmail3 as we believe that fighting against animal exploitation is not only a moral must for compassionate people with a taste for radical change but it represents today the number one challenge so to bring forward the global agenda for social justice as well.
Animal Liberation means Human Liberation, from tiranny, discrimination, injustice and ignorance.
More people than ever around the globe are today no longer blind to the infinite sufferings of our non human brothers and sisters in the breeding plants, in the laboratories, in the slaughterhouses, by the hands of the farming, the entertaining and the fashion industries. This is so also because of the relentless effort and the commitment of activists like Debbie, Natasha and Sven.
The example and the dedication to the ideas we share displayed by the Blackmail3 can only be ispirational for the lot of us so to carry on with our activities and to multiply our numbers.
There is still so much work to do, so much truth to be uncovered for all to see.
We wish our three friends to be able and defend themselves against this ridicule set of accusations and, as our friend IFEEL recites in one of his raps to continue to ” fly like butterflies and to sting like bees ” in their struggle for freedom.

La Verità sulla Corrida

Anche quest’anno decine di migliaia di Animali in Spagna, Francia, Messico e in altri paesi del Sud America verranno tormentati e pugnalati prima di una orrenda, dolorosa morte.

Il motivo di tutto questo non va oltre il celato intento di svuotare le tasche dei turisti che si recheranno a vedere tali violenti “spettacoli” di morte in quei paesi.

La Corrida è uno spaventoso passatempo che si fonda sul sangue e sulla sete di profitto degli impresari che le organizzano.

Questi ultimi sono i soli “vincitori” della brutale esecuzione pubblica di un Toro indifeso che si consuma davanti a platee di persone eccitate dal clima di ostilità e di giubilo promosso da questo tipo di eventi.

Quasi subito, dal momento in cui il Toro viene spinto nell’arena, ha inizio la sua immane sofferenza.

Una ciurma di “picadores” in sella a cavalli con paraocchi abbassati conficcheranno lance acuminate sul dorso e sul collo dell’animale provocandogli un intenso dolore e una copiosa perdita di sangue, tanto che egli non sarà più in grado nemmeno di alzare la testa.

E’ poi il turno dei “banderilleros” i quali, obbligando il Torro a correre in circoli, conficcheranno i loro bastoni appuntiti sulla parte posteriore del corpo dell’animale.

Disorientato, indebolito e reso inabile alla corsa, il Toro dovrà adesso “affrontare” il “matador”.

Questo “assassino” si destreggerà in patetici atti di provocazione verso l’animale nel tentativo di infliggergli l’ennesima ferita ( mortale ) utilizzando una spada.

Con questa arma il “matador” colpirà il Toro in profondità con il proposito di trafiggergli il cuore, spesso questo ultimo atto si verifica dopo che all’animale sono stati trafitti altri organi, i polmoni più comunemente, e tale pratica prolungherà l’indicibile agonia del Toro ormai esausto e morente.

Se il “matador” riuscirà nel suo intento, le orecchie e la coda del povero animale seviziato verranno recise per conservarle come trofei.

Nei casi in cui il Toro, mutilato e gravemente ferito, riuscisse a sopravvivere ai suoi aguzzini sull’arena, un “esecutore” entrerà in campo per uccidere, pugnalandolo, l’animale, così da consumare il bieco rito della Corrida e per garantire alla folla in estasi il suo “lieto fine”, quello che suppone l’uomo “padrone” sottomettere la bestialità della Natura, quindi, la Natura stessa.

Questa è la Corrida.

Non visitare i paesi in cui si svolgono tali atroci atti di violenza e barbarie gratuitamente contro chi non può difendersi.

Boicotta tutti i prodotti di quei paesi nei quali si glorifica questo scempio cercando di venderlo come Cultura o Tradizione.

Partecipa attivamente a tutte le iniziative chiedendo l’immediata messa al bando della Corrida e di tutte quelle attività cruenti che condannano ad una morte tremenda qualsiasi animale.

Per ulteriori e più approfondite informazioni sulla Corrida visitare qui http://www.oltrelaspecie.org/corrida.htm

Per informazioni su alcuni degli altri ambiti in cui, in nome dell’intrattenimento umano e del denaro, si maltrattano e si uccidono Animali visitare qui http://www.agireora.org/info/divertimento.html

Parte di questo scritto è risultato, tradotto e liberamente estratto da un articolo di http://www.peta.org.uk/ – se desideri contribuire al loro impegno internazionale per ottenere l’abolizione della Corrida in tempi brevi puoi farlo anche a distanza mandando una donazione.

Il video che presentiamo, realizzato segretamente e diffuso da https://peta.org.uk con la voce narrante di Roger Moore, mostra con chiarezza il motivo per cui Foie Gras è anche nota come “ tortura in scatola”.
Il Foie gras (in francese significa letteralmente “fegato grasso”) è definito dalla legge francese come “fegato di Anatra o di Oca fatta ingrassare tramite alimentazione forzata.
Il Foie Gras è uno dei prodotti più famosi della cucina francese, dato il suo altissimo contenuto di grassi (80%), è molto calorico e gelatinoso, e ha un sapore meno intenso dei normali fegati di Anatra e di Oca.
L’alimentazione forzata induce una crescita abnorme del fegato ed un aumento di grassi nelle cellule epatiche noto come steatosi.
http://it.wikipedia.org/wiki/Foie_gras

La procedura consiste nella condanna imposta a questi stupendi, intelligenti animali a vivere le loro ultime settimane di vita in minuscole gabbie e a rimanervi in piedi, su delle grate di metallo, 24 ore al giorno.
Gli Animali, presi dal panico, lottano per liberarsi dal loro aguzzino. Il compito dell’addetto consiste nell’ afferrare malamente questi individui per il collo e introdurre loro dei tubi in gola così da pomparvi, in una fase successiva, enormi quantità di granaglie direttamente nello stomaco.

Questo violento atto si ripete 3 o 4 volte al giorno, ogni giorno.

Alcuni degli Animali soffrono fratture agli arti in quanto questi non sono più in grado di sorreggere il peso del fegato ingrossato.

foie_gras_oca1

L’azienda Fortnum & Mason sostiene di rifarsi ad una rinomata tradizione anglosassone la quale si fonderebbe su dei valori condivisi e continua imperterrita a somministrare tale crudele trattamento a degli Animali inermi nonostante le numerose campagne lanciate contro di loro, negli anni.
Queste campagne hanno raccolto consensi da un ampio strato della popolazione, di uomini politici, personaggi dello spettacolo e persino da membri della famiglia reale.
La commercializzazione di Foie Gras è vietata in Gran Bretagna.
Con questo post ti chiediamo di unirti alle oltre 20,000 persone che hanno espresso il proprio sconcerto alla vile pratica, mandando un messaggio di protesta a Ewan Venters, direttore di questa “azienda alimentare”.
Per prendere parte all’iniziativa visitare la seguente pagina http://www.stopfortnumandmasonfoiegrascruelty.com/
e riempire con i propri dati ( nome, cognome, indirizzo di posta elettronica ) la scheda che troverete sulla parte destra dello schermo.
E’ tutto in inglese ma operazione semplice e breve da compiere.

Per saperne di più sulla Foie Gras visitare qui : http://www.foie-gras.it/