Archivio per giugno, 2012

3a edizione della Maxi Music Parade a Montelaterone (GR), splendido paesino ai piedi del Monte Amiata. La nostra piazza si distinguerà non solo per la musica, per le luci e per le visualizzazioni di TECHNOTERRA soundsystem , ma anche per le proiezioni, le mostre e gli assaggi VEGAN che Associazione D’Idee si impegnerà ad allestire intorno alla area a noi allocata per rendere la proposta di trascorrere un’intero pomeriggio, una sera e parte della notte in questa unica locazione, in un paesaggio suggestivo e all’insegna del buon vivere, davvero irresistibile, per contatti e per ulteriori informazioni 3281544997, l’ingresso in paese è gratuito, invitate famiglia e amici.

Questa il palinsesto dei djs con relativi links ai loro profili FB :

Technoterra (GR) https://www.facebook.com/groups/technoterrasoundsystem/ –
ANATTAPLUS (GR) https://www.facebook.com/luca.regoli1 –

FIORE (GR) https://www.facebook.com/francesco.f.torregiani –

RPS CREW (GR) https://www.facebook.com/profile.php?id=100003081297827 –

MOLESTEP (TO) https://www.facebook.com/vitodiventura –

SICKNOTE (TO) https://www.facebook.com/sicknota –

DJ TEBE (VR) https://www.facebook.com/afroradio
http://www.djtebe.com/

Iscriviti al gruppo relativo all’evento qui: https://www.facebook.com/groups/317351335000575/

An eclectic mix of my own brand of sonorities----TT

http://www43.zippyshare.com/v/42569172/file.html

Annunci

Image

Il giorno 11  settembre 2011 durante un presidio autorizzato organizzato dalla nostra Onlus svoltosi in Piazza Barsanti a Grosseto per protestare contro l’utilizzo di animali nel circo Orfei,  lo staff del circo, dopo un pomeriggio di ingaggio insultandoci e atteggiandosi in maniera abusiva nei nostri confronti, ci tirò prima  un grosso sasso passando poi ad ulteriore atto di aggressione fisica – come il documento video di questo link testimonia

http://youtu.be/vJUV8xM4-6M

Il tipo con la camicia chiara al minuto 1,11 si scaglia contro uno di noi colpendolo ripetutamente al viso, al minuto 1,16 un bel primo piano dell’aggressore, un suo collega tira un pugno in faccia ad un altro del nostro gruppo pochi attimi dopo, non siamo riusciti a riprenderlo, poi è la volta di una donna staff del circo, la quale scatenata si lancia prima contro di un altro di noi spintonandolo per poi colpire violentemente al volto la persona del nostro gruppo che stava effettuando le riprese, la polizia, presente dal nostro arrivo sulla piazza non è intervenuta. Lo staff del circo, in particolare la donna, si è messo ad inveire abusivamente anche contro di loro, ma anche in quel caso la polizia non è intervenuta. Prima di questo incidente, colui il quale riteniamo avesse il ruolo di  capo pattuglia,  aveva importunato in diverse occasioni  uno di noi nel tentativo di obbligarlo a non utilizzare un megafono del quale era dotato, sostenendo che le parole che venivano dette erano offensive e provocatorie. Subito dopo l’incidente e dopo aver chiamato un altra volante, lo stesso agente cerca di strapparci di mano, senza riuscire nel suo intento, la telecamera, questo avviene nel video dal minuto 2,08 in poi.

Vogliamo precisare, come fu spiegato all’agente quel pomeriggio, che non abbiamo mai usato parole offensive nei confronti dei circensi in nessuna occasione precedente e che, anche quel pomeriggio,  ci “limitammo” a fare ciò che facciamo sempre in simili circostanze, cioè spiegare alle persone che si trovano in prossimità del circo che cosa succede agli animali nelle mani dei circensi quando questi sono fuori dai riflettori, la prigionia, la coercizione, l’innaturalità delle esistenze che sono costretti a condurre, i lunghi viaggi, lo sfruttamento ecc., quali sono le motivazioni etiche che dovrebbero indurci a non imprigionare gli animali e a non mostrare ai bambini animali ridotti in quello stato dall’uomo, quanto più gradevole e quale spettacolo sarebbe invece un circo dove si valorizzassero le qualità autentiche di acrobati e artisti umani senza l’uso di animali.

La sera dell’11 settembre 2011 i  tre aggrediti ricorsero alle cure del pronto soccorso e sporsero  denuncia – lunedì 12 settembre. Al momento della stesura delle denunce in questura ( per aggressione, lancio di sassi e atti osceni rivolti alle donne, alcune delle quali minorenni del nostro gruppo da parte degli Orfei ) fù  menzionato l’atteggiamento incongruo delle forze dell’ordine e, in particolare del capo pattuglia, ma niente di tutto questo risulta apparire nei verbali in nostro possesso.

A fronte delle  richieste di poter essere messi nella condizioni di chiedere una verifica sull’atteggiamento della polizia ricevemmo dai  verbalizzanti la denuncia  risposte evasive del tipo “non è rilevante”.

Tornando alla sera dell’11 settembre, il comportamento della polizia anche dopo gli incidenti è stato a nostro avviso parziale, le forze dell’ordine identificarono tutti gli attivisti del gruppo, minacciandoci  addirittura di arresto se non avessimo collaborato con questa procedura, quando chiedevamo loro di identificare PRIMA gli aggressori, se necessario col nostro aiuto visto che essi sembravano non aver visto nulla dell’aggressione e parlavano di “ignoti” ricevemmo rassicurazioni che ciò sarebbe avvenuto in un secondo momento.

A tutt’oggi siamo ancora in attesa degli esiti delle nostre denuncie, le quali sembra siano arrivate in procura.

E’ di questi giorni invece la novità in rispetto ad un video che fù pubblicato qui

http://youtu.be/yLZ3_ctRsgo

Nel video,  il commentatore/autore delle riprese  effettuate davanti al circo, in alcune parti del suo commento, evidenziava l’attitudine ostile espressa verso i manifestanti dal poliziotto che aveva tentato di farci smettere di parlare col megafono, la tesi dell’agente era che, il nostro gruppo, avrebbe avuto soltanto il permesso di dare volantini e di starsene fermi da una parte, l’altra agente, una donna, che si trovava in servizio con lui potrebbe confermare la cosa se lo volesse.

Nei fatti, noi ci mettemmo del nastro da pacchi sulla bocca e  scrivemmo su dei cartelli che tenemmo in mano per un po’, frasi retoriche per protestare contro questo divieto che comunque decidemmo di non rispettare in quanto lo ritenemmo illegittimo.

La ragione primaria per cui  quel video con quel commento è stato pubblicato su Youtube è la frustrazione indotta  dall’impossibilità di essere presi sul serio in questura dagli agenti verbalizzanti al momento della denuncia contro gli aggressori circensi, dove si tentò di evidenziare la corretta dinamica degli avvenimenti.

Noi non avevamo mai visto prima quell’agente di polizia e niente altro che un desiderio di rivalsa nei confronti del suo atteggiamento repressivo  animò l’attivista responsabile della pubblicazione in rete di quel video. Tutte le parole  scandite nel video, il quale l’agente presumibilmente ritiene diffamatorio,  descrivono in maniera chiara e fondata ciò che è accaduto quel giorno in piazza Barsanti.

Il nostro gruppo è compatto nel ritenere l’atteggiamento autoritario e incompetente di quell’agente come strumentale all’aggressione subita,  atteggiamento il quale istigò, a nostro parere, le azioni violente contro di noi quel giorno in piazza Barsanti.

Il nostro è un gruppo veterano di questo tipo di eventi e mai prima si erano verificati tafferugli.

L’azione di polizia in simili circostanze è opera delicata e andrebbe affidata a agenti in grado di gestire in modo responsabile e nel rispetto delle libertà civilii l’ordine pubblico e la sicurezza delle persone, cosa questa che non è stata fatta quel giorno.

Nelle circostanze, una delle parti lese l’11 ssttembre 2011 in piazza Barsanti diviene quindi “indagato” a causa della denuncia sporta dall’ignoto agente che prestò servizio come capo pattuglia quel giorno a Grosseto.

Quell’agente, a nostro parere ha promosso, col suo atteggiamento antagonista al presidio di protesta, un clima favorevole all’aggressione da parte dei circensi i quali si sono sentiti in licenza di passare ai fatti, in una escalation di violenza del tutto immotivata.

Nelle prossime settimane chiederemo che si verifichino i motivi dell’agente in rispetto alla inefficacia nei suoi compiti di tutela della nostra incolumità fisica prima e  durante l’aggressione.

Chiederemo una spiegazione in rispetto allo slancio e all’ entusiasmo, esibiti dallo stesso agente minuti dopo l’aggressione, nell’inequivocabile tentativo di strappare di mano prima, poi dalla borsa di una delle manifestanti , la telecamera utilizzata per riprendere gli episodi di violenza, arrivando fino ad inseguirla lungo viale Mascagni e ad entrare in contatto fisico prolungato con lei   con tale preciso intento.

Se il caso lo rendesse necessario, richiameremo anche l’attenzione sull’apparente indisponibilità da parte di coloro i quali verbalizzarono le denunce in questura il 12  settembre, riferite ai fatti di piazza Barsanti, di indirizzarci agli organi preposti alle debite  verifiche sul comportamento dell’agente in oggetto.

Altro video sulla vicenda:http://youtu.be/MT1oSc5HUwk

Foto del presidio disponibili qui:

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.230677370313807.51117.140474869334058&type=3

MAMA, L’ORSO DELLA LUNA SALVATO DA ANIMAL ASIA E ADOTTATO A DISTANZA ATTRAVERSO LE ATTIVITA’ DI FUND RAISING DI ASSOCIAZIONE D’IDEE E’ STATO SOTTRATTO ALLA FATTORIA DELLA BILE DOVE “VIVEVA” SEGREGATO” NELL’AGOSTO DEL 2008, LA SUA DATA DI NASCITA E’ STIMATA AL 2003, MAMA E’ UNO “SPECIAL CARE BEAR” IN QUANTO HA SOLI TRE ARTI, ATTUALMENTE VIVE UNA VITA PROSPEROSA PRESSO IL CENTRO DI TAM DAO IN VIETNAM.

TORNIAMO A PARLARE DI  MAMA, L’ORSO DELLA LUNA SALVATO DA ANIMAL ASIA ITALIA GRAZIE ALLA GENEROSITA’ DI TUTTI COLORO CHE HANNO ADERITO ALLA CAMPAGNA DI ADOZIONE A DISTANZA ORGANIZZATA DA ASSOCIAZIONE D’IDEE ONLUS NELLE CITTA’ DI RIOTORTO (LI) E GROSSETO TRA LUGLIO E SETTEMBRE 2011.

NEL CORSO DI QUELLE INIZIATIVE RIUSCIMMO A RACCOGLIERE LA CIFRA DI 580,00 EURO I QUALI FURONO VERSATI PER GARANTIRE A QUESTO SPLENDIDO ANIMALE, PURTROPPO RIMASTO GRAVEMENTE DISABILE, DI AVERE UNA SECONDA POSSIBILITA’ NELLA VITA E DI GODERSI IL RESTO DEI SUOI GIORNI IN UNA OASI NEL VIETNAM, PROTETTO DALLA CATTIVERIA UMANA CHE LO AVEVA RELEGATO AD UNA MISERABILE ESISTENZA DI PRIGIONIA E DI BRUTALE SFRUTTAMENTO, CON UN CATETERE IMMESSO NELLA PANCIA PER ESTRARRE LA SUA PREZIOSA BILE, UTILIZZATA IN QUEI LUOGHI PER PREPARARE POZIONI E MEDICINALI.

AGLI AMICI CHE  CONTRIBUIRONO ALL’ESITO DI QUESTA VICENDA, I QUALI POSSONO ESSERE FIERI DI TANTA SENSIBILITA’  E INSIEME AI QUALI  ABBIAMO FATTO CONCRETAMENTE LA DIFFERENZA E AFFERMATO CON FORZA CHE TUTTI GLI ESSERI VIVENTI, INCLUSA MAMA E GLI ALTRI ORSI DELLA LUNA, HANNO UN DIRITTO INALIENABILE, QUELLO DI ESSERE LASCIATI VIVERE NEL LORO AMBIENTE, DI NON VENIRE UTILIZZATI IN MANIERA TANTO BIECA DALLE INDUSTRIE UMANE LE QUALI PURTROPPO  CERCANO DI TRARRE   PROFITTI DA TANTA SOFFERENZA, A QUELLE STESSE PERSONE CHIEDIAMO NEL 2012 DI RINNOVARE L’IMPEGNO IN BASE ALLA LORO DISPONIBILITA’

L’ANNO SCORSO TENTAMMO DI COINVOLGERE  L’INTERA CITTA’ DI GROSSETO A DIVENIRE  SPONSOR PER LE FUTURE CAMPAGNE DI SUPPORTO A MAMA, LA FINALITA’ ERA QUELLA DI COINVOLGERE UN NUMERO SEMPRE MAGGIORE DI CITTADINI, COSI’ DA  IDENTIFICARE LA LORO AZIONE CON QUESTO ATTO DI AMORE E DI SOLIDARIETA’ OLTRE LA SPECIE.

NONOSTANTE I NOSTRI TENTATIVI, CONTATTATI I MAGGIORI MEDIA LOCALI E L’AMMINISTARZIONE CITTADINA, CIO’ NON E’ AVVENUTO, I NOSTRI INVITI DI ADESIONE AL  PROGETTO SONO STATI INFRUTTUOSI, DI FATTO NON SIAMO NEMMENO STATI DEGNATI DI UNA RISPOSTA NEGATIVA

CONSAPEVOLI DELLA FORZA DELLE IDEE DI QUANTI INVECE, POICHE” RAGGIUNTI DALLA NOTIZIA DI UNA SIMILE INIZIATIVA, CONSIDERANO IL RINNOVO DELL’ADOZIONE A DISTANZA DI QUESTO ANIMALE UNA IMPORTANTE SCADENZA ANCHE IN TERMINI DI PARTECIPAZIONE DIRETTA AL PROGETTO GLOBALE DI ANIMAL ASIA, IL QUALE E’ MIRATO ALLO SMANTELLAMENTO TOTALE DI TUTTE LE FATTORIE DELLA BILE ASIATICHE E ALLA MESSA AL BANDO DELLA CULTURA CHE RENDE LE FATTORIE UNA OPZIONE ATTUABILE ( IN ASIA NON ESISTONO DIRITTI PER GLI ANIMALI ) RILANCIAMO LA CAMPAGNA DI ADOZIONE PER L’ANNO 2012 E LO FACCIAMO PARTENDO DA ALCUNE DONAZIONI DI AMICI GROSSETANI CHE HANNO VOLUTO COMINCIARE A VERSARE I LORO CONTRIBUTI BEN PRIMA CHE LE  DATE DEGLI   EVENTI IN CALENDARIO PREVISTI PER   LUGLIO E PER  SETTEMBRE VENISSERO CONCORDATE.

NELLA SCHEDA INDIVIDUALE DI MAMA SI LEGGE CHE SI TRATTA DI UNA FEMMINA MOLTO CARINA E DALLA NATURA AFFETTUOSA, CON UN MUSO CORTO E IL NASONE SUINO, MAMA DISPONE DI UNA PELLICCIA RADA. HA PERSO LA ZAMPA ANTERIORE SINISTRA QUANDO FU’ CATTURATA DA UNA TRAPPOLA NELLA GIUNGLA. AL SUO ARRIVO MAMA ERA TREMENDAMENTE STRESSATA E TRASCORREVA GRAN PARTE DEL TEMPO SALTANDO DA UNA ZAMPA ALL’ALTRA. CONDIVIDE CASA CON MOGGY, LA SUA MIGLIORE AMICA, ANCHE LEI VITTIMA DEGLI UOMINI CHE LA VOLEVANO PRIGIONIERA E SOFFERENTE IN QUALCHE GABBIA, IN SUDICI SCANTINATI DI QUALCHE FATTORIA CLANDESTINA IN CINA O IN VIET NAM, MA ADESSO LIBERA DI MUOVERSI E DI VIVERE UNA VITA DI RELAZIONE E DI APPAGAMENTO.

PER INFORMAZIONI SUGLI EVENTI CHE HANNO PRECEDUTO QUESTA CAMPAGNA VISITARE QUI:

https://www.facebook.com/notes/associazione-didee/comunicato-stampa-ai-media-locali-sulla-vicenda-di-mama-lorso-della-luna-adottat/265699510164244

LINK PER CONOSCERE LE ATTIVITA’ DI ANIMAL ASIA ITALIA :

http://www.animalsasia.org/

L’OBIETTIVO E’ QUELLO DI RAGGIUNGERE LA CIFRA DI 550,00 € , CIFRA NECESSARIA AL MANTENIMENTO DI MAMA.

SE DESIDERI SOSTENERCI IN QUESTA AZIONE PUOI DONARE CON LE SEGUENTI MODALITA’:

DI PERSONA SE VIVI A GROSSETO, CI TROVI PERIODICAMENTE IN PIAZZA DANTE A GROSSETO, TI VERRA’ RILASCIATA UNA RICEVUTA, BASTA INOLTRE SEGUIRE QUESTO BLOG https://associazionedideeonlus.wordpress.com/ PER RIMANERE AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE ALTRE INIZIATIVE LOCALI ( PROIEZIONE DI FILM, CENE SOCIALI, APERITIVI MUSICALI, MOSTRE A TEMA, BENEFITS ) PUOI CONTATTARE PAOLO AL 3281544997 O VISITARE LA PAGINA DI  https://www.facebook.com/GrossetoONLUS

QUESTO E’ IL CERTIFICATO DI ADOZIONE RILASCIATO AD ASSOCIAZIONE D’IDEE ONLUS GROSSETO DA ANIMAL ASIA IL QUALE ATTESTA LA NOSTRA SPONSORIZZAZIONE DELLE SPESE RELATIVE ALLE CURE E AGLI ALIMENTI DESTINATI A MAMA.

SE NON VIVI LOCALMENTE PUOI UTILIZZARE POSTEPAY RICARICANDO LA SEGUENTE CARTA E SPECIFICANDO LA CAUSALE 4023600586285530 INTESTATA A PAOLO ROSSI

SEMPRE SE NON RISIEDI LOCALMENTE E HAI SEI DISPOSTO AD UTILIZZARE ALTRE FORME DI DONAZIONE TELEMATICA VISITA IL SEGUENTE SITO

http://www.kapipal.com/associazionedideeonlus

ANCHE IN QUESTO CASO SPECIFICA LA CAUSALE E I TUOI DATI, TI TERREMO INFORMATI SULL’ANDAMENTO DELLA CAMPAGNA.

MAN MANO CHE ARRIVANO DONAZIONI AGGIORNEREMO QUESTA NOTA CON GLI IMPORTI.

QUI PUBBLICHEREMO ANCHE LE DATE E I LUOGHI DELLE INIZIATIVE PER MAMA CHE ABBIAMO IN PROGRAMMA PER LE STAGIONI  ESTATE/AUTUNNO 2012, GRAZIE A TUTTI.

L’ATTUALE SALDO E’ DI EURO 99,50 ( grazie di cuore a Mauro, Maurizio,Daniela – Grosseto – e a tutti coloro che hanno donato all’iniziativa ADI al festival antirazzista di Riotorto – Li – Luglio 2012)

SABATO 23 GIUGNO 2012 PRESSO GLI IMPIANTI SPORTIVI DI VIA AUSTRIA A GROSSETO ( ZONA NORD DELLA CITTA’, DI FRONTE AI TRE TORRINI DI VIA GRECIA ) ASSOCIAZIONE D’IDEE ONLUS ORGANIZZA UNA EVENTO BENEFIT PER “IPPOASI”, PROGETTO A MARINA DI PISA PER L’ACCOGLIENZA E IL RIFUGIO DI ANIMALI SALVATI DA SITUAZIONIDI ABBANDONO O DI GRAVE ABUSO COME ALLEVAMENTI, FATTORIE INTENSIVE, MACELLI
per saperne di più visitate qui: http://www.ippoasi.org/

TUTTO IL RICAVATO DALLA CENA VEGAN , SARA’ DEVOLUTO AI VOLONTARI CHE GESTISCONO QUESTA OASI DI PACE.

QUESTO E’ IL MENU’ :

ANTIPASTI: Crostoni con pomodoro cetrioloe cipolla 
Insalata russa Coleslaw 
PRIMI : Farro con pesto di mandorle e semi di sesamo 
CUS CUS con verdure grigliate 
Penne rosa con tofu affumicato 
SECONDI: Scaloppine di soia al Marsala 
Zuccotto di lenticchie rosse ai capperi e olive 
Oppure dadolata di lenticchie e tofu 
CONTORNI Melanzane grigliate cetrioli yogurt e menta 
insalata di riso soffiato con patate mais cipolle lessate 
Insalata pomodori e cetrioli cipolle 
DOLCI: Zuppa inglese

LA SERATA  COMINCERA’ INTORNO ALLE 19,15 CON UNA CONFERENZA DI PRESENTAZIONE DEL PROGETTO A CURA DEI VOLONTARI DI IPPOASI, SE CI SONO LE CONDIZIONI, LA PROIEZIONE DI UN BREVE DOCUMENTARIO E LA CONSUETA PARTE FINALE CON LA MUSICA, LE PROIEZIONI, LE LUCI DI TECHNOTERRA E DI ALTRI OSPITI DJ’S.

QUI LE FOTO DEL PRECEDENTE EVENTO FOOD OF LOVE TENUTOSI ALLA FINE DELL’APRILE SCORSO:

https://www.facebook.com/media/set/?set=a.3538196146263.146349.1613162081&type=1

E’ FONDAMENTALE CHE CHI INTENDE SOSTENERCI CON LA SUA PARTECIPAZIONE ALLA CENA SI PRENOTI TELEFONANDO AL 3281544997, LA CONOSCENZA DEL NUMERO DELLE PERSONE A TAVOLA CONTRIBUIRA’ ALLA GESTIONE OTTIMALE DELL’INIZIATIVA.

Mercoledì scorso, 6 maggio 2012,  a Grosseto, l’associazione culturale Casaggì , Destra Identitaria ha organizzato una postazione nel centro città per “sensibilizzare” su alcune questioni tra le quali quella di un ferma opposizione contro ogni forma di violenza sugli animali, lo slogan “Vivi e lascia vivere: tolleranza zero su vivisezione, maltrattamenti ed abbandono” lascia sperare bene a chi in questa stessa città si mobilita da tempo per rendere consapevole i suoi abitanti dei medesimi argomenti.

L’iniziativa di questo gruppo ha riscosso pieno appoggio da due dei quotidiani locali, Il Tirreno e Il Corriere della Maremma, i quali hanno diligentemente pubblicato il loro materiale sulle proprie pagine. Ci piace pensare che ad una così composita rappresentanza politica e mediatica stia a cuore la sorte di chi non ha voce propria per rivendicare i propri diritti, appunto, gli animali.

Nell’articolo si legge che  «si tratta non di qualunquismo ma di un vero e proprio messaggio politico di destra sociale. Una terra di Maremma ed una Grosseto da sempre vicina e attenta agli animali, lungi da imbrattamenti sui muri o sterili polemiche, si adopera affinché questo principio venga concretamente attuato e, infatti, il manifesto dell’iniziativa prevede tra l’altro “parlare e non fare: tolleranza zero”».

Davvero bello il concetto di “zero tolleranza” verso chi maltratta gli animali, e siamo  sicuri che in onore della loro coerenza tra fatti e idee i militanti di questo gruppo saranno tutti vegetariani, sappiamo infatti per certo che gli abusi più numerosi e odiosi subiti dagli animali avvengono proprio negli allevamenti e nei macelli.

http://youtu.be/vTk4I38CLj0

http://www.tvanimalista.info/video/allevamenti-macelli/allevamenti-macelli-bovini-italia/

Solo che poco più giù nell’articolo si parla del fatto che questa “manifestazione ha già avuto un primo pratico riscontro nella presenza di alcuni aderenti a Casaggì Grosseto nelle zone dell’Emilia colpite dal recente terremoto, per aiutare i proprietari di allevamenti di animali abbandonati dalle istituzioni statali”.

Indipendentemente dall’orientamento politico di questa organizzazione, che non desideriamo dibattere qui, ci è sorto un dubbio: vuoi vedere che per la destra sociale animali quali capre, galline, mucche, vitelli, cavalli, maiali insomma tutte quelle creature che la nostra civile società mercantile ha marcato come “animali da reddito”….. vuoi vedere che per Casaggi quelle creature NON sono animali!?!

Mi sembra evidente che se si chiamano a raccolta per aiutare gli AGUZZINI degli “animali da reddito” colpiti dal terremoto, cioè gli allevatori, qualcosa non quadra.

Sarà mica che per la destra sociale gli “animali” sono soltanto i cani, i gatti, forse i conigli, dipende dal tipo di affezione che l’uomo, incontrastato dominatore della natura, richiede al momento?

Sorge di conseguenza un altro dubbio: vuoi vedere che la destra sociale, come ogni altra organizzazione autoritaria di qualsiasi schieramento partitico tradizionale – sta cercando di strumentalizzare l’intera questione per derivarci un utile?

Consenso? Visibilità? Agibilità “democratica”? Riscossione di sentimenti nobili da parte di quei cittadini che hanno sviluppato una sensibilità verso il tremendo carico di ingiustizia e sofferenza  che gli animali, TUTTI gli animali subiscono?

Gli animali soffrono in angoscia negli allevamenti, negli stabulari, negli zoo, nei circhi, nei laboratori, nei mattatoi.

TUTTI loro sono costretti a subire ogni giorno la supremazia dell’uomo.

http://www.tvanimalista.info/video/vivisezione/motivazioni-no-vivisezione/

Sono animali maltrattati  anche – e soprattutto – quelli che, eventualmente, dopo i presidi degli animalisti di  destra, finiscono nei loro piatti arrosto o in umido, nei loro panini, affettati.

Gli animali sfruttati per latte e uova, poi uccisi quando ritenuti non più produttivi subiscono sicuramente un maltrattamento, o no ?

http://www.tvanimalista.info/video/allevamenti-macelli/produzione-uova-pulcini/

http://www.vegetariani-roma.it/latte-non-sai-cosa-bevi.html

Tutti gli animali prigionieri di questo mondo, i quali  giacciono in uno stato di  misero abbandono sul fondo più buio, quello di chi NON è rappresentato da nessuno, gli animali i quali, a causa dei nostri ragionamenti commerciali e specisti che giustificano l’agonia cui vengono sottoposti senza alcun rimorso, senza un pensiero, tutti loro possono soltanto continuare a soffrire.

L’unica mano che essi apprezzerebbero avvicinarsi alle loro gabbie, l’unica che NOI apprezzeremmo se fossimo nelle medesime condizioni, è quella che LIBERA dal tormento del giogo, dallo sfruttamento,  quella di chi CI libera dalla violenza, dalla sopraffazione del più forte sull’inerme, la mano che sconfigge ogni ideologia fondata sul  dominio.

Se la nozione  “tolleranza zero” di “destra identitaria” significa LIBERAZIONE ANIMALE, allora le “lotte” di costoro hanno titolo a venire riconosciute per  autentiche e godranno del nostro relativo supporto.

Temiamo  però che così non sia e a scanso di incomprensioni chiediamo quindi ai militanti della destra sociale e a coloro che si identificano con quel tipo di filosofia di fare uno sforzo di decenza,  di calare la maschera.

Che si lascino al loro destino gli aguzzini di animali, che si consegnino al fallimento e all’inattività produttiva ogni macellaio e ogni altro “lavoratore del settore”, che si denunci con sdegno ogni vivisettore, ogni circense, ogni allevatore, ogni azienda basata sulla monetizzazione della vita.

Chiediamo alla società civile di riconoscere che la liberazione umana E’ il bene supremo e che questa passa dal riconoscimento inalienabile che OGNI creatura vivente possiede un valore intrinseco del quale la natura la ha dotata, ogni creatura ha in se il diritto ad esistere, che nessuno, NESSUNO, può decidere convenientemente di modificare così da sfruttarla,  venderla, discriminarla, deportarla, metterla in catene, di ucciderla, di mangiarla per nessuna “buona” ragione.

Le alternative ESISTONO, basta adeguarsi.

http://www.viverevegan.org/

http://www.saicosamangi.info/

Rinunciare alla violenza e diventare Vegan è l’unico sistema per abbattere il maltrattamento dell’animale uomo sull’animale non umano, dell’uomo sull’uomo.

http://youtu.be/8DQoJTwEN0Q

http://ildolcedomani.blogspot.it/