Posts contrassegnato dai tag ‘associazione d’idee onlus grosseto’

il bivio

Da qualche tempo questa associazione non opera più sul territorio a causa di una mancanza cronica di coesione interna al gruppo che la aveva animata nei suoi cinque anni di esistenza.

Chi scrive si augura che tutte le iniziative svolte e le modalità con le quali queste sono state portate a compimento rappresentino una risorsa per chi seguirà, attraverso il proprio attivismo, la propria indipendenza di giudizio e attraverso lo strumento dell’autogestione , a fare la differenza in un panorama locale, sociale e politico, irrimediabilmente corrotto dalla miopia ideologica e dal qualunquismo.

Un ringraziamento di cuore alle persone che ci hanno sostenuti e a quelle che, virtuosamente, riusciranno a dare un senso al lavoro fatto insieme dal 2010 al 2014.

Arrivederci.

PTT.

( immagine di Roberta Liguori )

Annunci

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2014 per questo blog.

Ecco un estratto:

La sala concerti del teatro dell’opera di Sydney contiene 2.700 spettatori. Questo blog è stato visitato circa 12.000 volte in 2014. Se fosse un concerto al teatro dell’opera di Sydney, servirebbero circa 4 spettacoli con tutto esaurito per permettere a così tante persone di vederlo.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

WHO ARE YOU EATING TODAY? A Vegan Campaign

Advertisement bill provoked havoc on a national scale in Italy as activists had a giant print of it posted along busy town centers in Torino, Pordenone and Grosseto.This Campaign elicited a great amount of support among the Vegan community and the more liberal section of the population as well as strong opposition by the Italian authorities whom attempted to have the posters removed from sight.

Advertisement bill provoked havoc on a national scale in Italy as activists had a giant print of it posted along busy town centers in Torino, Pordenone and Grosseto.
This Campaign elicited a great amount of support among the Vegan community and the more liberal section of the population as well as strong opposition by the Italian authorities whom attempted to have the posters removed from sight.